La Garnish per un MARTINI Perfetto

In Cocktail Codex, gli autori Alex Day, David Kaplan, Nick Fauchald e il collaboratore Devon Tarby, esplorano la minuzia di sei ricette che dicono siano le chiavi per padroneggiare i cocktail.

Uno di questi cocktail è il Martini. Il primo cocktail che abbina lo spirito al vermouth, è una “ricetta frustrantemente difficile da definire in una forma”, afferma Day. “Chi ordina solo un Vermouth? Nessuno.

Ordinano un Cocktail Martini con Gin, leggero sul vermouth e con un’oliva, o un Cocktail Martini con vodka, quindi per favore gesticolano in modo interrogativo in direzione della Francia al posto del vermouth, e aggiungono un tocco di limone: ogni bevitore Martini ha la sua preferenza!”

Mescolare il Martini ideale significa creare armonia tra pochi elementi. Nel libro, gli autori discutono di ogni sfumatura del classico, dalla scelta degli ingredienti principali alla cristalleria, sperimentando proporzioni e diluizione corretta. Ma il contorno gioca un ruolo particolarmente importante nei Martini: è quello che gli autori chiamano “il condimento”.

“In qualsiasi cocktail, ma in particolare il Martini, il contorno può trasformare l’intera esperienza della bevanda, dall’aroma al sapore in diversi modi, dal primo sorso all’ultimo”, aggiunge Day.

“Queste differenze, tuttavia, sono sfumate. Sono sottili. Ci vuole un po ‘di tempo per vedere davvero le dimensioni stratificate di come una svolta sia così diversa da un’oliva – ma non è quello che è un Martini? Sfocato, sottile. Per me, la scelta del contorno è tanto una parte della ricetta del Martini quanto la scelta del gin o della vodka e la presenza (o assenza) del vermouth.

“Day dice che faceva parte della folla che gradiva solo il limone, perché nulla rende un Martini luminoso con olio di limone, ma più recentemente ha iniziato ad apprezzare il fascino salato dell’oliva.

Ma solo con un oliva davvero buona.  “Un’oliva di Casteveltrano fredda e non snocciolata che riposa sul fondo di un delicato bicchiere pieno di gin freddo e vermouth.

Al primo sorso, l’oliva rilascia un po ‘di salsedine, amplificando i sapori e l’aroma salati nascosti in profondità nel gin e nel vermouth. Ma la magia di un’oliva lo è ancora di più quando viene permesso di riposare nel Martini per alcuni minuti: la semplice salsedine si trasforma lentamente in una complessa salamoia verde. Diventa uno spuntino liquido. e, Day suggerisce un esperimento che espone tutte le opzioni contemporaneamente. “Adoro l’esperimento di condimento che presentiamo così tanto nel libro: ogni volta che lo faccio per qualcuno, i loro occhi si illuminano della drammatica differenza che può fare un contorno in un drink che, sulla carta, sembra quasi identico.”

Per iniziare a casa, PREPARA sei mini Martinis (prepara tre cocktail a grandezza naturale e dividi il liquido tra sei bicchieri), realizzato con il tuo equilibrio gin e vermouth preferito .

Lascia un cocktail senza aromatizzatore , uno con un’oliva, uno con una cipollina, uno con tocco di limone, un tocco di arancia e un tocco di lime.

Il Martini senza parte aromatizzante è il tuo bicchiere di controllo, usato per fare riferimento tra i sorsi di ciascuno degli altri. Mentre assaggi ogni variazione, fai un bilancio di ciò che ogni contorno porta al bicchiere.

Qui, con le sue stesse parole, Day offre i suoi pensieri su ogni contorno.

Limone

Un tocco di limone è meglio usato per profumare la parte superiore di un cocktail, ma mai la sua pelle dovrebbe essere sfregata sul bicchiere dove le labbra si toccheranno. Chiamami delicato, ma trovo l’olio di limone sulla lingua così potente da sopraffare il sapore del cocktail, da quasi bruciarmi la lingua. Se lasciato nella bevanda per più di qualche minuto, trovo che una torsione al limone può estrarre alcuni sapori amari spiacevoli se è presente il midollo, trasformando un Martini leggero e rinfrescante in qualcosa di un po ‘troppo vicino a Lemon Pledge per il mio conforto. Per questo motivo, di solito prendo il mio dopo circa un minuto, il tempo sufficiente per aggiungere ulteriore complessità a un cocktail, ma non tanto da sopraffare.

Arancia

Gli oli dolci di arancia sono sorprendenti sia come aroma che come elemento aromatizzante in un cocktail. Mentre non strofiniamo mai la buccia di limone su un bicchiere, lo facciamo spesso con l’arancia: la sua dolcezza può agire per amplificare alcuni sapori all’interno di un cocktail, in particolare quelli fatti con liquori invecchiati come bourbon e segale, o quando vengono utilizzati ingredienti amari, come gli amari.

Oliva

Ottieni le migliori olive che puoi. Non sono quelli ripieni di peperoni o formaggio ; sono le olive intere che sembrano fresche. Tienili tranquille. Aggiungi al tuo Martini appena prima di sorseggiare, lasciandoli cadere sul fondo del bicchiere come una gustosa ricompensa per un cocktail finito.

Cipollina

Vedo le cipolline più o meno allo stesso modo delle olive; una cipollina in salamoia di qualità cambierà un Martini in modi sorprendenti, mentre un generico poco brillante aggiungerà salamoia e poco altro. Cerca abbondanti Cipolline in salamoia in una salamoia classica, o meglio ancora, cerca il sottaceto dal tuo agricoltore locale ti darà qualcosa di veramente unico o creane uno tuo!

Lime

La buccia di lime è molto profumata, ma i suoi oli possono essere un po ‘astringenti se usati come bevanda per un drink. Ci sono casi molto speciali in cui un colpo di lime può fare miracoli, ma in generale, ci allontaniamo perché può facilmente sopraffare il cocktail e orientarlo in una direzione strana.

Credits: IMBIBE Liquid CultureEmma Janzen

Photo: @highproofpreacher

Open chat
Contatto Live!
Ci contatti per ulteriori Info!!!