ISOLA DI PASQUA: PERCHÉ SI CHIAMA COSÌ?

Gli abitanti nativi del luogo la chiamano Rapa Nui, che  tradotto in italiano significa Grande Roccia, per la sua maestosità nell’affiorare tra le acque dell’Oceano Pacifico. Tuttavia, a tutti è conosciuta con il nome di Isla de Pascua, ossia Isola di Pasqua. La spiegazione del nome in realtà è molto semplice: fu chiamata così perché il primo esploratore europeo ad arrivare sulle coste dell’isola, il navigatore olandese Jakob Roggeveen, vi sbarcò il 5 aprile 1722, che proprio quell’anno era la domenica di Pasqua. Secondo la tradizione, prima dell’arrivo degli esploratori europei, gli abitanti nativi dell’Isola di Pasqua avevano iniziato una guerra civile che li ridusse allo stremo. Elemento fondamentale dell’Isola di Pasqua sono i Moai.

I moai sono statue monolitiche, il loro stile minimalista relative a forme che si trovano in tutta la Polinesia . Moai sono scolpiti in piani relativamente piatti, le facce recanti espressioni fiere ma enigmatiche. Le figure umane verrebbero delineati nella parete di roccia, poi tagliato via fino a che solo l’immagine è ben coincisa.

Gli oltre-grandi teste (un rapporto di tre a cinque tra la testa e il tronco, un tratto scultoreo che dimostra la credenza polinesiano nella sacralità della testa principalmente) hanno sopracciglia pesanti e nasi allungati con una forma fish-hook-distintivo ricciolo delle narici.

Le labbra sporgono in un broncio sottile. Come il naso, le orecchie sono allungate ad oblunga forma. Le linee della mascella spiccano contro il collo troncato. I Torsi sono pesanti, e, talvolta, le clavicole sono sottilmente delineati in pietra. Le braccia sono scolpite in bassorilievo a riposo contro il corpo in varie posizioni, mani e dita lunghe e sottili di riposo lungo le creste delle anche, riunito a Hami (loincloth), con i pollici talvolta che puntano verso l’ombelico. In generale, le caratteristiche anatomiche degli schienali non sono dettagliate, ma a volte portano come motivo un anello e cintura sui glutei e parte bassa della schiena. Ad eccezione di un moai in ginocchio, le statue non hanno le gambe ben visibili.

Anche se moai sono statue di tutto il corpo, vengono erroneamente indicati come “teste Isola di Pasqua” in qualche letteratura popolare. Ciò è in parte a causa delle dimensioni sproporzionate della maggior parte delle teste Moai, e in parte perché molte delle immagini iconiche per l’isola che mostra moai eretta sono le statue sulle pendici del Rano Raraku , molti dei quali sono sepolti alle loro spalle. Alcune delle “teste” a Rano Raraku sono state scavate , osservandoli di avere marcature che erano state protette dall’erosione per la loro sepoltura.

L’altezza media del moai è di circa 4 m (13 piedi), con la larghezza media alla base circa 1,6 m (5,2 piedi). Queste creazioni massicce di solito pesano circa 12,5 tonnellate (13,8 tonnellate) ciascuno.

Tutti tranne 53 degli oltre 900 moai conosciuti fino ad oggi sono state scavate da tufo (una cenere vulcanica compressa) da Rano Raraku, dove 394 moai in vari stati di completamento sono ancora oggi visibili. Ci sono anche 13 moai scolpiti dal basalto , 22 da trachite e 17 dal fragile rosso scorie .

Quando militari americani tornati a casa dopo aver vinto la seconda guerra mondiale , nel 1945, hanno portato con loro storie e ricordi dal loro tempo nel Sud del Pacifico che ha contribuito a rafforzare la popolarità di quello che Hollywood aveva posto le basi per Donn Beach a creare un nuovo Stile di Miscelazione. Beach era lui stesso un veterano della seconda guerra mondiale, e lui aveva inventato il Three Dots & A Dash cocktail, che è il codice Morse per “V” (per la vittoria). Le donne indossavano ” vittoria del rullo ” acconciature e le persone erano in vena di festeggiare.

L’entusiasmo che circonda Thor Heyerdahl ‘s 1947 Kon-Tiki e il suo pluripremiato film ha contribuito a promuovere ancora una volta l’esplorazione tropicale. È importante sottolineare che nel contesto della cultura Tiki, è iniettato con successo la parola “tiki” nel popolare lessico americano su larga scala (hawaiani non aveva usato la parola “tiki”, ma piuttosto “Ki’i”). Il lavoro di Heyerdahl ha inoltre ampliato la mitologia del tema per includere la costa occidentale del Sud America in quella che divenne una sempre crescente mix di motivi culturali, sia reali e immaginari. Le statue dell’isola di Pasqua (moai) è diventato anche iconico con la pubblicazione del suo libro Aku-Aku .

LA CULTURA TIKI

Se la cultura Tiki era iniziata come un tema da ristorante fatto per assomigliare ad un set di Hollywood , bevande alcoliche vestiti in barware ed elaborati sono i suoi cardini principali . Proprio come il Don the Beachcomber  creò il  primo “Tiki Bar” da cui tutti gli altri tali stabilimenti “liberamente presero Contest  in prestito”, Beach stesso può vantarsi di aver creatola  cultura del Tiki.

Fu il primo ristoratore di mettere a fuoco un intero menu drink sulla miscelazione di sciroppi aromatizzati e succhi di frutta fresca con il rum , che ha definito “Rhum Rapsodie” e sono stati serviti in bicchi

eri di fantasia, ananas scavate, noci di cocco forati.

Un estroverso bene sociale a guadagnare l’attenzione, successo iniziale di Beach è stato notato da tiki storico Jeff Berry , che ha detto che “Donn era Ottimo, con nomi, buone le bevande, e buono con i nomi delle bevande”.

Nel contempo Bergeron è stato visto come una nuova spiaggia contemporanea con la sua fondazione di Trader Vic , e anche se Bergeron aveva iniziato copiando il “modello tiki” che aveva creato Beach alla fine ha fornito significative aggiunte al tiki canonico.

Inoltre in un  ultima analisi, aveva più capacità di resistenza rispetto Beach e nel tempo creato quasi altrettanti cocktail supplementari. Egli è noto soprattutto per la creazione del Fog Cutter cocktail e Scorpion Bowl , così come la quintessenza Mai Tai .

Open chat
Contatto Live!
Ci contatti per ulteriori Info!!!